Fiore/CXLV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXLV

../CXLIV ../CXLVI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXLIV CXLVI

 
La Vec[c]hia

 "Figl[i]uola mia cortese ed insegnata,
La tua gran gioia sì è ancor a venire.
Or me convien me pianger e languire,
Ché·lla mia sì se n’è tutta passata4

 Né non fie mai per me più ritrovata,
Chéd ella mi giurò di non reddire.
Or vo’ consigliar te, che dé’ sentire
Il caldo del brandon, che sie avisata8

 Che non facessi sì come fec’ io:
De ch’i’ son trista quand’ e’ me’n rimembra,
Ch’i’ non posso tornare a·lavorio.11

 Per ch’i’ te dico ben ched e’ mi sembra:
Se·ttu creder vor[r]à’ ’l consiglio mio,
Tu sì non perderai aver né membra.14