Fiore/CXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXVI

../CXXV ../CXXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXXV CXXVII

 
Falsembiante

 "Que’ che non pensa d’aver l’armadure
Ch’i’ v’ò contate, o ver preziosi vini,
O ver di be’ sac[c]hetti di fiorini,
Le mie sentenze lor fìer troppo dure.4

 Né non si fidi già in escritture,
Ché saccian che co’ mie’ mastri divini
I’ proverò ched e’ son paterini
E farò lor sentir le gran calure.8

 Od i’ farò almen ch’e’ fien murati,
O darò lor sì dure penitenze
Che me’ lor fôra ch’e’ non fosser nati.11

 A Prato ed a Arez[z]o e a Firenze
N’ò io distrutti molti e iscacciati:
Dolente è que’ che cade a mie sentenze".14