Fiore/I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I

../ ../II IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

Fiore II

 
 Lo Dio d’Amor con su’ arco mi trasse

Lo Dio d’Amor con su’ arco mi trasse
Perch’i’ guardava un fior che m’abellia,
Lo quale avea piantato Cortesia
Nel giardin di Piacer; e que’ vi trasse4

 Sì tosto c[h]’a me parve ch’e’ volasse,
E disse: "I’ sì ti tengo in mia balìa".
Alló·gli pia[c]que, non per voglia mia,
Che di cinque saette mi piagasse.8

 La prima à non’ Bieltà: per li oc[c]hi il core
Mi passò; la seconda, Angelicanza:
Quella mi mise sopra gran fredore;11

 La terza Cortesia fu, san’ dottanza;
La quarta, Compagnia, che fe’ dolore;
La quinta apella l’uon Buona Speranza.14