Fiore/II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
II

../I ../III IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

I III

 
L’Amante e Amore

 Sentendomi ismagato malamente
Del molto sangue ch’io avea perduto,
E non sapea dove trovar aiuto,
Lo Dio d’Amor sì venne a me presente,4

 E dissemi: "Tu·ssaï veramente
Che·ttu mi se’ intra·lle man caduto
Per le saette di ch’i’ t’ò feruto,
Sì ch’e’ convien che·ttu mi sie ubidente".8

 Ed i’ risposi: "I’ sì son tutto presto
Di farvi pura e fina fedeltate,
Più ch’asses[s]ino a·Veglio o a Dio il Presto".11

 E quelli allor mi puose, in veritate,
La sua boc[c]a a la mia, sanz’ altro aresto,
E disse: "Pensa di farmi lealtate".14