Fiore/LXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXIX

../LXVIII ../LXX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXVIII LXX

 
Amico

 "A te sì non convien far disfidaglia,
Se·ttu vuo’ ben civir di questa guerra:
Lasciala far a’ gran’ signor’ di terra,
Che posson sof[f]erir oste e battaglia.4

 Mala-Bocca, che così ti travaglia,
È traditor: chi ’l tradisce non erra;
Chi con falsi sembianti no·ll’aferra,
Il su’ buon gioco mette a ripentaglia.8

 Se·ttu lo sfidi o batti, e’ griderà,
Chéd egli è di natura di mastino:
Chi più ’l minaccia, più gli abaierà.11

 Chi Mala-Bocca vuol metter al chino,
Sed egli è sag[g]io, egli·lusingherà:
Ché certo sie, quell’è ’l dritto camino".14