Fiore/LXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXVI

../LXXV ../LXXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXXV LXXVII

 
L’Amante e Ric[c]hez[z]a

 "Per Dio, gentil madonna, e per merzede",
Le’ dissi allor, "s’i’ ò ver’ voi fallato,
Ched e’ vi piaccia ched e’ sia amendato
Per me, chéd i’ ’l farò a buona fede:4

 Ch’i’ son certan che ’l vostro cuor non crede
Com’ io dentro dal mio ne son crucciato;
Ma quando vo’ m’avrete ben provato,
E’ sarà certo di ciò c[h]’or non vede.8

 Per ch’i’ vi priego che mi diate il passo,
Ched i’ potesse abatter il castello
Di Gelosia, che m’à sì messo al basso".11

 Quella mi disse: "Tu se’ mio ribello;
Per altra via andrai, ché sarà’ lasso
Innanzi che n’abatti un sol crinello".14