Fiore/LXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXVII

../LXXVI ../LXXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXXVI LXXVIII

 
L’Amante e Dio d’Amore

 Già no·mi valse nessuna preghera
Ched i’ verso Ric[c]hez[z]a far potesse,
Ché poco parve che le ne calesse,
Sì la trovai ver’ me crudel e fera.4

 Lo Dio d’Amor, che guar’ lungi no·mm’era,
Mi riguardò com’io mi contenesse,
E parvemi ched e’ gli ne increscesse;
Sì venne a me e disse: "In che manera,8

 Amico, m’ài guardato l’omanag[g]io
Che mi facesti, passat’ à un anno?".
I’ gli dissi: "Messer, vo’ avete il gag[g]io11

 Or, ch’è il core". "E’ non ti fia già danno,
Ché tu·tti se’ portato come sag[g]io,
Sì avrai guiderdon del grande afanno".14