Fiore/LXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXVIII

../LXXVII ../LXXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXXVII LXXIX

 
L’Amante

 Lo Dio d’Amor per tutto ’l regno manda
Messag[g]i e lettere a la baronia:
Che davanti da lui ciaschedun sia,
Ad alcun priega e ad alcun comanda;4

 E ch’e’ vorrà far lor una domanda
La qual fornita converrà che·ssia:
D’abatter il castel di Gelosia,
Sì ch’e’ non vi dimori inn-uscio banda.8

 Al giorno ciaschedun si presentò,
Presto di far il su’ comandamento:
Dell’armadure ciaschedun pensò,11

 Per dar a Gelosia pene e tormento.
La baronia i’ sì vi nomerò
Secondo ched i’ ò rimembramento.14