Fiore/V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
V

../IV ../VI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

IV VI

 
L’Amante e Amore

 Con grande umilitate e pacïenza
Promisi a Amor a sofferir sua pena,
E c[h]’ogne membro, ch’i’ avea, e vena
Disposat’ era a farli sua voglienza;4

 E solo a lui servir la mia credenza
E` ferma, né di ciò mai nonn-alena:
"Insin ched i’ avrò spirito o lena,
I’ non farò da·cciò giamà’ partenza".8

 E quelli allor mi disse: "Amico meo,
I’ ò da·tte miglior pegno che carte:
Fa che m’adori, ched i’ son tu’ deo;11

 Ed ogn’ altra credenza metti a parte,
Né non creder né Luca né Matteo
Né Marco né Giovanni". Allor si parte.14