Fiore/XCIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XCIV

../XCIII ../XCV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XCIII XCV

 
Dio d’Amore e Falsembiante

 Come Falso-Sembiante sì parlava,
Amor sì ’l prese allora âragionare,
E dis[s]egli, in rompendo su’ parlare,
C[h]’al su’ parer ver’ Dio troppo fallava.4

 E poi il domandò se l’uon trovava
Religïone in gente seculare.
Que’ disse: "Sì, nonn-è mestier dottare
’Che più che ’n altro luogo ivi fruttava;8

 Chéd e’ sareb[b]e troppo gran dolore
Se ciaschedun su’ anima perdesse
Perché vestisse drappo di colore.11

 Né lui né altri già ciò non credesse’:
Ché ’n ogne roba porta frutto e fiore
Religïon, ma’ che ’l cuor le si desse.14