Fiore/XLII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLII

../XLI ../XLIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XLI XLIII

 
L’Amante

 "Ragion, tu sì mi fai larga proferta
Del tu’ amor e di te, ma i’ son dato
Del tutto al fior, il qual non fia cambiato
Per me ad altr’ amor: di ciò sie certa.4

 Né non ti vo’ parlar sotto coverta:
Che s’i’ mi fosse al tutto a·tte gradato,
Certana sie ch’i’ ti verrè’ fallato,
Che ch’i’ dovesse aver, o prode o perta.8

 Allora avrè’ fallato a·llui e te,
E sì sarei provato traditore,
Ched i’ gli ò fatto saramento e fé.11

 Di questo fatto non far più sentore,
Ché ’l Die d’Amor m’à·ssì legato a·ssé
Che·tte non pregio e lui tengo a signore".14