Fiore/XLVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLVII

../XLVI ../XLVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XLVI XLVIII

 
L’Amante e Amico

 Ragion si parte, quand’ ella m’intese,
Sanza tener più meco parlamento,
Ché trovar non potea nullo argomento
Di trarmi de·laccio in ch’Amor mi prese.4

 Allor sì mi rimisi a le difese
Co’ mie’ pensieri, e fu’ i·mag[g]ior tormento
Assà’ ched i’ non fu’ al cominciamento:
No·mmi valea coverta di pavese.8

 Allor sì pia[c]que a Dio che ritornasse
Amico a me per darmi il su’ consiglio.
Sì tosto ch’e’ mi vide, a me sì trasse11

 E disse: "Amico, i’ sì mi maraviglio
Che ciascun giorno dimagre e apasse:
Dov’ è il visag[g]io tu’ chiaro e vermiglio?".14