Fiore/XLVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLVI

../XLV ../XLVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XLV XLVII

 
L’Amante

 Quando Ragion fu assà’ dibattuta
E ch’ella fece capo al su’ sermone,
I’ sì·lle dissi: "Donna, tua lezione
Sie certa ch’ella m’è poco valuta,4

 Perciò ch’i’ no·ll’ò punto ritenuta,
Ché no·mi piace per nulla cagione;
Ma, cui piacesse, tal amonizione
Sì gli sareb[b]e ben per me renduta.8

 Chéd i’ so la lezion tratutta a mente
Pe·ripètall’a gente cu’ piacesse,
Ma già per me nonn-è savia nïente:11

 Ché fermo son, se morir ne dovesse,
D’amar il fior, e ’l me’ cor vi s’asente,
O ’n altro danno ch’avenir potesse".14