Fiore/XX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XX

../XIX ../XXI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XIX XXI

 
L’Amante e Bellacoglienza

 Udendo quella nobile novella
Che que’ genti messag[g]i m’aportaro,
Sì fortemente il cuor mi confortaro
Che di gioia perdé’ quasi la favella.4

 Nel giardin me n’andà’ tutto ’n gonella,
Sanz’ armadura, com’ e’ comandaro,
E sì trovai quella col viso chiaro,
Bellacoglienza; tosto a·ssé m’apella,8

 E disse: "Vien avanti e bascia ’l fiore;
Ma guarda di far cosa che mi spiaccia,
Ché·ttu ne perderesti ogne mio amore".11

 Sì ch’i’ alor feci croce de le braccia,
E sì ’l basciai con molto gran tremore,
Sì forte ridottava suo minaccia.14