Fiore/XXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXI

../XX ../XXII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XX XXII

 
L’Amante

 Del molto olor ch’al cor m’entrò basciando
Quel prezïoso fior, che tanto aulia,
Contar né dir per me non si poria;
Ma dirò come ’l mar s’andò turbando4

 Per Mala-Boc[c]a, quel ladro normando,
Che se n’avide e svegliò Gelosia
E Castità, che ciascuna dormia;
Per ch’i’ fu’ del giardin rimesso in bando.8

 E sì vi conterò de la fortez[z]a
Dove Bellacoglienza fu ’n pregione,
Ch’Amor abatté poi per su’ prodez[z]a;11

 E come Schifo mi tornò fellone
E lungo tempo mi ten[n]e in distrez[z]a,
E come ritornò a me Ragione.14