Fiore/XXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXII

../XXI ../XXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXI XXIII

 
Castità

 Castità, che da Veno è guer[r]eggiata,
Sì disse a Gelosia: "Perdio, merzede!
S’a questo fatto l’uon non ci provede,
I’ potrè’ bentosto es[s]ere adontata.4

 Vergogna e Paura m’ànno abandonata;
In quello Schifo foll’ è chi si crede,
Ch’i’ son certana ch’e’ non ama a fede,
Po’ del giardin sì mal guardò l’entrata;8

 Donde vo’ siete la miglior guardiana
Ch’i’ ’n esto mondo potes[s]e trovare.
Gran luogo avete in Lombardia e ’n Toscana.11

 Perdio, ched e’ vi piaccia il fior guardare!
Che se que’ che ’l basciò punto lo sgrana,
Non fia misfatto ch’uon poss’ amendare".14