Fiore di virtù/XXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XXXIX. Come si deve consigliare

../XXXVIII ../XL IncludiIntestazione 19 gennaio 2009 75% Saggi

Anonimo - Fiore di virtù (XIV secolo)
Capitolo XXXIX. Come si deve consigliare
XXXVIII XL


Se consigliare vuoi in Consiglio sopra alcuna proposta, il tuo consiglio si dee partire in cinque parti: la prima tu dèi dire qualche proemio: la seconda dèi dire lo consiglio: la terza hai a dare esempio; cioè cosa in simigliante caso sia stata servata per discrete e caute persone; la quarta conchiuda il suo detto, adducendo sufficiente ragione; la quinta ordinare ciò ch’egli ha detto.

Se tu vuoi mandare le lettere, si dee partire in cinque parti: la prima si è salutazione; la seconda si è esordio ovvero proemio: la terza si è narrare lo fatto; la quarta si è addomandare quello che l’uomo vuole: la quinta dè’ conchiudere il suo detto, altrimenti è folle. Le novelle che si contano per lo sollazzo, non si può se non per certo ordine; ma in brieve si dee dire, perchè tutte le cose che sono brievemente dette, si piacciono. E sopra ciò Tullio dice: In poche parole molti beni si contengono. Giovenale dice: La brieve orazione passa il cielo; onde tutte le cose brievi sono ornate di gran bellezze.