Fra l'altre pene maggio credo sia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizelli

XIII secolo sonetti duecento Fra l'altre pene maggio credo sia Intestazione 18 settembre 2008 75% sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 

XVI [xix]
Fra l’altre pene maggio credo sia
sopporre libertà in altrui voglia:
lo saggio, dico, pensa prima via
di gir, che vada, che non trovi scoglia.

5Omo ch’è priso non è ’n sua bailia:
conveneli ubedir, poi n’aggia doglia,
ch’[a] augel lacciato dibattuta è ria,
che pur lo stringe e di forza lo spoglia.

In pace donqua porti vita e serva
10chi da signore alcun merito vòle:
a Dio via più, che volontate chere;

e voi, messer, di regula conserva,
pensate a l[o] proverbio che dir sòle:
“A bon servente guiderdon non père”.