Fra l'altre pene maggio credo sia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizzelli

XIII secolo F sonetti duecento Fra l'altre pene maggio credo sia Intestazione 18 settembre 2008 75% sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 

XVI [xix]
Fra l’altre pene maggio credo sia
sopporre libertà in altrui voglia:
lo saggio, dico, pensa prima via
di gir, che vada, che non trovi scoglia.

5Omo ch’è priso non è ’n sua bailia:
conveneli ubedir, poi n’aggia doglia,
ch’[a] augel lacciato dibattuta è ria,
che pur lo stringe e di forza lo spoglia.

In pace donqua porti vita e serva
10chi da signore alcun merito vòle:
a Dio via più, che volontate chere;

e voi, messer, di regula conserva,
pensate a l[o] proverbio che dir sòle:
“A bon servente guiderdon non père”.