Francesca da Rimini

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Silvio Pellico

1813 Indice:Tragedie (Pellico).djvu Tragedie Teatro Francesca da Rimini Intestazione 9 febbraio 2015 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Tragedie (Pellico)

[p. 1 modifica]




FRANCESCA DA RIMINI.



Noi leggevamo un giorno per diletto,
     Di Lancillotto come amor lo strinse:
     Soli eravamo e senza alcun sospetto.
Per più fïate gli occhi ci sospinse
     Quella lettura, e scolorocci il viso,
     Ma solo un punto fu quel che ci vinse.
Quando leggemmo il disiato riso
     Esser baciato da cotanto amante,
     Questi che mai da me non fia diviso,
La bocca mi baciò tutto tremante.





Indice