Giovinezza (Goliardi)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Nino Oxilia

Giuseppe Blanc 1909 G Canti cantastoria Giovinezza
Versione originale dei Goliardi Intestazione 16 febbraio 2008 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Son finiti i tempi lieti
degli studi e degli amori;
o compagni in alto i cuori,
il passato salutiam.

2È la vita una battaglia
è il cammino irto d'inganni;
ma siam forti, abbiam vent'anni,
l'avvenire non temiam.
  
3Giovinezza, giovinezza
primavera di bellezza,
della vita nell'asprezza
il tuo canto squilla e va.
 
4Stretti stretti sotto braccio
d'una piccola sdegnosa,
trecce bionde, labbra rosa,
occhi azzurri come il mar;

5Ricordare in primavera
i crepuscoli vermigli
tra le verdi ombre dei tigli
i fantastici vagar.
 
6Giovinezza, giovinezza
primavera di bellezza,
della vita nell'asprezza
il tuo canto squilla e va.
 
7Salve, nostra adolescenza;
te commossi salutiamo,
per la vita ce ne andiamo,
il tuo riso cesserà.

8Ma se un dì udremo un grido
dei fratelli non redenti
alla morte sorridenti
il nemico ci vedrà.
  
9Giovinezza, giovinezza
primavera di bellezza,
della vita nell'asprezza
il tuo canto squilla e va.


Testi correlati

Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Giovinezza (Goliardi)