Guida della Val di Bisenzio/Parte seconda/5/b

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Via b. Dalla Fattoria d’Iavello per i boschi

../a ../c IncludiIntestazione 1 agosto 2018 75% Da definire

Via b. Dalla Fattoria d’Iavello per i boschi
Parte seconda - a Parte seconda - c

[p. 82 modifica]Via b. Da Prato ore 4,30. — Giunti ai Termini per la Via a, si piglia la via della chiesa d’Albiano, ove si giunge in 15 min. Vi sono due quadri di buona scuola. Fra questa chiesa e la villa del Barone, che resta più in basso a ponente di là dal colle, era una borgata di meschine e rovinose case che furono demolite per ordine dell’ultimo feudatario, dacchè Albiano fu titolo di un marchesato della casa Tempi, alla quale appartenevano i beni della fattoria del Barone. Non è molto fu pure atterrata presso la chiesa un’antica torre, coi materiali della quale si restaurarono le case coloniche dei dintorni. Fossero qui le [p. 83 modifica] villate di cui parla il Malespini e dalle quali vennero i primi abitatori di Prato? Si giunge alla Fattoria d’Iavello in 40 min. Di qui si può prendere la strada su per la boscaglia a sinistra della Fattoria e girando per il versante meridionale salire ai Faggi del Vai. Si avverta, prendendo questa via, di tenersi sempre a destra per non trovarsi sul versante di ponente e di non lasciare la via ruotabile per pigliare i sentieri. Si giunge dalla Fattoria ai Faggi del Vai in ore 1,40; è la più comoda, ma la più lunga. Bella veduta sulla pianura e sulle valli limitrofe.