I solitari dell'Oceano/Conclusione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Conclusione

../37. La caccia alla goletta IncludiIntestazione 5 febbraio 2019 25% Da definire

37. La caccia alla goletta
[p. 279 modifica]

CONCLUSIONE

[p. 280 modifica] [p. 281 modifica]

Pochi minuti dopo, mentre le scialuppe ritornavano a bordo non avendo raccolto nessun ferito, Vargas, miracolosamente sfuggito alle palle dei pirati, si trovava fra le braccia di Ioao e di Sao-King che aveva creduti morti ed in quelle di Cyrillo che da tre giorni non aveva più riveduto e che dubitava fosse ancora vivo.

La Groninga si era rimessa alla vela ed aveva abbordato l'Alcione, il quale aveva subìto nuovi danni dalle tre o quattro cannonate degli Avvoltoi dello Stretto di Torres.

Il signor Wan Praat, non volendo esporre a nuovi pericoli i fratelli de Ferreira ed i loro compagni e sapendo ormai dove si trovava il covo di quegli audaci scorridori del mare che aveva saccheggiata la Tescer e la Schelda trucidandone gli equipaggi, aveva deciso di trasbordarli sull'Alcione.

Dik, che conosceva tutti i passaggi della caverna e le scogliere, poteva bastare per guidarlo nella perigliosa impresa.

Essendo intanto l'Alcione stato in parte riparato, diede appuntamento ai suoi nuovi amici nella baia di Rochingani, promettendo di raggiungerli al più presto e di scortarli fino a Sydney, la capitale della Nuova Galles del sud.

In quella importantissima città la povera nave poteva trovare cantieri di raddobbo per completare le sue riparazioni e marinai in quantità per equipaggiarsi nuovamente.

Verso il tramonto dello stesso giorno l'Alcione riprendeva il suo faticoso viaggio, seguendo le coste orientali dell'Australia, mentre la Groninga ritornava nello stretto per dare l'ultimo colpo agli Avvoltoi.

L'assenza della fregata fu meno lunga di quanto Cyrillo ed i suoi compagni avevano supposto.

L'Alcione aveva raggiunta la baia da tre giorni quando fu vista giungere la Groninga a gonfie vele, pavesata a festa e con pochissimi danni.

Il comandante Wan Praat era pienamente riuscito nella sua seconda impresa. I pirati, in numero di venticinque, erano stati sorpresi nel loro rifugio, prima che avessero avuto il tempo d'imbarcarsi nelle loro scialuppe ed erano stati parte uccisi a colpi di cannone e parte appiccati. [p. 282 modifica]

Otto giorni dopo quell'importante fatto, le due navi gettavano l'àncora in Sydney, dove l'Alcione veniva passato in un cantiere di raddobbo per le necessarie riparazioni.

Ci volle non meno di un mese per metterlo in condizioni di riprendere il mare e di riattraversare l'Oceano Pacifico.

Finalmente, ben provvisto ed equipaggiato lasciava definitivamente le coste dell'Australia al comando del signor Vargas, nominato ad unanimità capitano e due mesi dopo giungeva al Callao, l'importante porto del Perù.

L'Alcione, divenuto proprietà dei quattro amici, ha continuato le sue corse attraverso il Pacifico, ma non più come nave di trasporto degli infelici coolies del Celeste Impero.

Alla carne gialla avevano surrogato il guano, con eguali profitti e meno pericoli.