Il Canzoniere (Bandello)/Alcuni Fragmenti delle Rime/CLXXXIX - Il grave incendio dov'ardendo i' vissi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXIX - Il grave incendio dov'ardendo i' vissi

../CLXXXVIII - O bella man gentile ../CXC - Dunque se' morto, e resta il caro armento IncludiIntestazione 5 maggio 2009 75% Poesie

CLXXXIX - Il grave incendio dov'ardendo i' vissi
Alcuni Fragmenti delle Rime - CLXXXVIII - O bella man gentile Alcuni Fragmenti delle Rime - CXC - Dunque se' morto, e resta il caro armento

 
Il grave incendio dov’ardendo i’ vissi
molti e molti anni, come volle Amore,
cercando di smorzar o far minore
in mille carte discopersi, e scrissi.

Ma quanto mai cantai, o piansi, o dissi,5
nulla scemò del fier e immenso ardore
che piú che pria mi stempra l’alma e ’l core,
sí fur tra salde fiamme avvolti e fissi.

Ah! quanto puote una prescritta usanza,
ch’i’ son al fine, e non m’avveggio a pena10
ch’un’ora sol del viver mio m’avanza.

Signor, che trar mi puoi di tanta pena,
fa che ’n te fermi sol la mia speranza;
me tu governa, tu sospingi e affrena.