Il Parlamento del Regno d'Italia/Antonio Gallenga

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Gallenga

../Alessandro Della Rovere ../Giuseppe Dabormida IncludiIntestazione 28 giugno 2019 75% Da definire

Alessandro Della Rovere Giuseppe Dabormida

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della serie Il Parlamento del Regno d'Italia


Antonio Gallenga.

[p. 819 modifica]



Mille esperienze hanno dimostrato, in modo che ormai non si può assolutamente revocare in dubbio, come accada a chi vuole camminare sulle pedate di certi geni o di certi originali, i quali si aprono vie non mai battute per lo innanzi, o che possiedono maniere e costumi tutti lor propri, di cadere in esagerazioni prive di ogni grazia e di ogni attrattiva e che il più sovente valgono a coprire di ridicolo chi le commette.

Il Gallenga, nato piemontese, si recò di buon’ora ad abitare l’Inghilterra e volle divenire affatto inglese. — Apprese la lingua e vi riusci scrittore mediocre; ma per fare che l’assimilazione fosse completa indossò alla meglio quella veste contesta di houmur e di excentricily, inimitabile indumento che per ventura od isventura degli stranieri alla perfida Albione sembra [p. 820 modifica]sia indispensabile d’aver vestita fin dalle fasce onde non cada giù dalle spalle.

Tornato nel patrio paese così travestito il Gallenga non potè persuadere a nessuno dagl’italiani ch’ei non fosse italiano, quindi le sue buttate britanniche non presero. Egli sembrò adontarsene e crebbe la dose delle stranezze, senza che perciò riuscisse a farle meglio inghiottire dai suoi concittadini. — Quindi è che malgrado ch’ei sia dotato d’un certo ingegno che ha qualche punto luminoso, dovette rassegnarsi a fare nella Camera e fuori una parte che non era di certo quella ch’ei pretendeva rappresentare.

Noi non parleremo dei suoi antecedenti più o meno storici, nè sappiamo spiegare che ne abbia parlato esso se non collo spingere l’excentricity al di là d’ogni misura. — Noi penderemmo a credere piuttosto che quello sia un conte fait à plaisir per singolarizzarsi in modo indicibile e ad ogni costo; ammenochè non si voglia ammettere (e in questo caso non vorremmo fino a un certo punto dargli torto) ch’egli abbia scelto quel tenore di rivelazione pubblica a titolo di espiazione solenne.

Resta poi a vedere come si possa pensare a mettersi nella vita pubblica con tal soma di falli sugli omeri, che sarebbe bastante per ischiacciare l’uomo il più gagliardo del mondo.

Comunque siasi il Gallenga si è fatto riammettere alla Camera non solo, ma lungi dal tenervisi cheto, si è dato tanto moto e vi si è diportato in guise sì strane che gli occhi del mondo politico si sono rivolti su di lui, più di quello che ad esso non dovesse convenire.

Ed egli un bel giorno si è di nuovo dipartito d’Italia, è rientrato in Inghilterra e di là ha inviata la sua dimissione da deputato, perchè ha detto, non gli era concesso per sue occupazioni tornare tra noi assai di frequente per assistere colla dovuta diligenza ai lavori della Camera.