Il Pellegrin, cui folta notte oscura

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Severoli

I Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Il Pellegrin, cui folta notte oscura Intestazione 30 maggio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Carlo Severoli


[p. 381 modifica]

II


Il Pellegrin, cui folta notte oscura
     Tra via sorprenda, volge incerto i passi
     Lento tento e cogli occhi attenti, e bassi
     Va ricercando ov’è la via sicura
5E se allor poi, che fatta è chiara, e pura
     L’aria, si trovi in mezzo a rupi, e sassi,
     Nel mirarquai passò perigli, stassi
     Col cuor colmo d’orrore, e di paura:
Tal dubbia strada un tempo, e d’orror piena
     10Malaccorto ancor’io premendo gìa,
     In cui nulla splendea luce serena;
E tu sacro Orator sì alpestre, e ria
     L’additi a me, che aver battuto appena
     Creder poss’io, sì perigliosa via.