Il Rubator de' Favi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Teocrito Antichità I 1729 Domenico Regolotti poesie letteratura Il Rubator de' Favi Intestazione 19 maggio 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 

Il ladroncello amore
Mentre degli alveari
I favi saccheggiava
Punto restò il meschino
5Da picciol Ape ria,
Che cruda, ed importuna
De le ritonde dita
A lui mordeo le cime.
Ond'ei dal dolor vinto
10Poichè si accorse enfiate
Aver le belle mani,
Balzò su piè stizzoso.
E 'l suolo percotendo,
Proruppe singhiozzando
15In dolorosi lai.
E rivolto alla madre
Si querelava seco,
Che animalin si fatto
A recarne bastasse
20Tai crude acerbe piaghe.
Ma quella sorridendo
Al figlio sì rispose;
Forse che tu non sei
A l'Ape somigliante
25Che picciolo di corpo,
Pur i miseri cori
Si gravemente impaghi.