Il cavallarizzo/Libro 2/Capitolo 43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Capitolo 42 Capitolo 44


[p. 88v modifica]

Cap. 43. Che le staffe deveno essere uguali, & non più lunga l'una dell'altra, ne i piedi del cavalliero.


Quelli, che cavalcano con una staffa più lunga dell’altra, à me pare, che faccino torto alla natura, che per farci più belli, & perfetti ci ha creati con due gambe uguali: però se una staffa tenete in piede più curta dell’altra, come potrete mai parere ne così bello, ne così giusto à cavallo, come parete, se tutte due saranno giustamente uguali? come potrete anco servirvi delle speronate così giuste & pari come si deve? battendo il vostro cavallo di speron pari, non lo batterete piu alto, ò più basso da una banda che dall’altra tenendo le staffe in piede più curte, ò più lunghe dalla dritta che dalla sinistra? il che quanto si disconvenghi, & che effetti faccia, considerate mò voi. Considerate anco, che se così cavalcarete, che meno ne i maneggi potrete voi portare la persona sì acconciamente, & aitare il cavallo con essa, come si conviene. Perche non havrete quella giustezza in sella della persona, che fondata su le staffe giuste, & ugualmente lunghe à guisa di giusto contrapeso, vi fa star dritto, bello, & fermo in sella; non piegando più su l’una che su l’altra mano per ogni volta di schena con calci, ò senza, che facci gagliardo il cavallo. Ne mi si alleghi che per il rompere delle lancie & correre allo’ncontro è meglio haver la staffa dritta piu curta di due dita della sinistra, ch’io direi, che non so dove ve la fondate; & direi, che sì nel correr lancie all’anello, come nel romper lancie; & all’incontro sempre si deve correr dritto à cavallo, & non piu da questa spalla che dall’altra servirsi; si perchè si dimostra maggior maestria & dispositione; come anco perche s’avanza piu di due dita di lancia, il che è d’importanza non poca allo’ncontro, & in giostrar da vero. Et se ben pare che quel poggiarsi più su l’una che su l’altra staffa, & il sporger innanzi piu questa che quella spalla, unisca piu la virtù, e dia maggior forza; sì per incontrar l’aversario, come per riceverne l’incontro, non è però che non facci gli errori suddetti, & che non sia anco piu atto à far staffeggiare, oltra che non si uniscano piu le forze in questo modo di quello, che si unirebbero nell’altro. Nel quale non potendosi così facilmente [p. 93r modifica]cilmente 'gire à l’orza, & dalla banda per il star giusto à cavallo, si pò unire la virtù della schena ristringendosi, & quasi agruppandosi nelle spalle, collo, & schena sotto l’arme. Et io per me non saprei mai dire come l’appoggiarsi piu sull’una staffa che sull’altra; & perciò haver piu lunga questa, che quella possi far il cavalliero piu forte & vigoroso à cavallo, essendo che l’huomo à piedi meglio si reggi su due gambe ben ferme giuste in terra, che non su una, Così anco crederò, che sia del cavalliere a cavallo, il quale se fermerà giustamente i piedi sulle staffe uguali, sarà anco piu atto à sopportar l’incontro (da ogni lato) del nemico, & piu facile ad offenderlo. Sarei io dunque di parere che tutte queste cose, & il cavalcar maggiormente, si facesse con le staffe giuste & uguali in piedi, e dritto il cavalliere à cavallo. Ma se pur vi si concedesse il piegarvi à cavallo, voi sapete che ve l’ho detto, che vi si concede per aiutare il cavallo alle lettioni in campagna. E se vi si concedesse anco una staffa piu lunga dell’altra; la sinistra saria quella corta (che nol niego) in questi casi solo, quando si tornia, si combatte in steccato, & si fanno giuochi di canne e caroselli. Nelli quali havendovi à valere del braccio dritto, e del girar sulla man dritta è bene, che habbiate piu lungo appoggio sulla staffa stanca, che sulla dritta. Et questo basti.