Il diavolo nella mia libreria/Dolce morale

Da Wikisource.
Dolce morale

../I gesuiti e Galileo ../Pietro Metastasio mi parla IncludiIntestazione 17 luglio 2017 50% Da definire

I gesuiti e Galileo Pietro Metastasio mi parla
[p. 152 modifica]

Dolce morale.

Molto furono accusati i padri gesuiti di essere stati accomodanti e pieni di soave tolleranza, purché non si trattasse di fede; e questa cosa sanno anche coloro che non hanno letto le Lettere provinciali del Pascal. E anche ai dì passati un giovanetto, che comincia adesso sui banchi della scuola il suo viaggio per le vie del conoscere, mi domandava: « Come mai gesuita, che deriva da Gesù, vuol dire ipocrita?».

«Eh, eh, ragazzo mio, — risposi anch’io come fra Galdino, accennando lontano lontano — è una cosa lunga spiegare queste cose». [p. 153 modifica]Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/160 [p. 154 modifica]Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/161 [p. 155 modifica]Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/162 [p. 156 modifica]Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/163 [p. 157 modifica]Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/164 [p. 158 modifica]Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/165 [p. 159 modifica]Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/166 [p. 160 modifica]Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/167