Il filo (Giacosa)/Scena unica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Scena unica

../Prologo IncludiIntestazione 27 marzo 2011 75% Teatro

Prologo

La scena rappresenta il magazzino del teatro delle marionette. A destra un'apertura larga e alta mette all'attiguo palcoscenico. Nella strombatura di essa e tutto intorno le pareti del magazzino corre un ballatoio di legno che serve ai burattinai per staccare le marionette dai regolini di ferro da cui pendono. Tali regolini sono mascherati da molti festoni di tela dipinti, tirati a mezza altezza attraverso la stanza e raffiguranti archi di prigioni, rami d'alberi, cielo, cortinaggi e vôlte di sale principesche. Le marionette sono tutte appese in alto, ma i fili allentati lasciano loro grande libertà di movimenti.

Dottore
(con tuono cattedratico e con voce nasale, rivolgendosi agli altri burattini)
Uditori umanissimi, leggiadrissime dame,
Se avvenga mai che alcuno sia ristoro alle grame
Vicende della vita terrena, e se concede
Alcuna a nostre dotte fatiche il ciel mercede
(Poiché me delle cose tragge l'occulta essenza),
Questa e quello io conosco dalla vostra presenza.
Ché dolci di Minerva infra i severi ludi,
Dolci nella sublime maestà degli studi,
Dolci all'eccelso seggio ove il saver mi pose
Tornan le vostre grazie, o dame gaudiose,
Tornano i plausi vostri, o umanissimi ingegni.
E avvegnaché di meglio orator siate degni
Ch'io non osi chiamarmi, pure avvien che mi mova
A parlar la clemenza vostra: noto per prova
Essendo, ed io porgendone quando altri ascolto, esempio,
Che dottrina e ‘ndulgenzia un solo unico tempio
Raccoglie, e ivi hanno insieme ara e culto gradito.
Arlecchino
(piano a Colombina)
Mi no capisso un corno, tanto el parla pulito.
Dottore
(seguitando)
Se mai superno loco infra le eccelse imprese
Quella tenne che intende a vendicar le offese,
Oggi che a voi rivelo immeritato oltraggio,
Prova da voi di fede attendo e di coraggio.
Arlecchino
(piano a Colombina)
Bondì, mi vado.
Colombina
(piano ad Arlecchino)
Dove vastu?
Arlecchino
(c. s.)
Mi me la moco.
Co i me parla de guerra me vien a poco a poco
Tanto coragio, tanta furia, tanta premura
De andar via, che me fazo a mi stesso paura.
Colombina
(ridendo)
Ti ga la tremarela?
Arlecchino
(serio)
Tremarela no certo,
Ma divento un leon, e el leon va al deserto.
Florindo
Taci, Arlecchino.
Arlecchino
Taso.
Colombina
Sta qua anca ti.
Arlecchino
Restemo.
Voci
Silenzio!
Arlecchino
Mi no parlo.
Dottore
Udite il caso estremo.
Fra le dotte frugando carte, com'è costume
Di noi dotti, mi venne per le mani un volume,
Anzi un missale enorme di que' tai ch'io medesimo
Nomare udii dagli uomini: volumi in sedicesimo.
Opra infatti dell'uomo era e, coll'altre tante
Di suo superbo ingegno, vana e dileggiante;
Ché, levati in orgoglio per la scomposta mole
Onde si differenziano da noi legnosa prole,
Vantar s'arrogan gil uomini privilegio di saggia
Vera filosofia: quasi che in mente caggia,
A cui di ben discernere dono sortì natura,
Che di veggente senno sia la mole misura.
E vi lessi, in quel libro, dico, vi lessi cosa
Quant'altra mai fu al mondo falsa ed obbrobriosa,
Poiché di noi, di nostra prosapia burattina,
Della nostra corporea struttura in sì piccina
Vista tanto perfetta, ragionando l'autore
Afferma che ogni nostra possanza, ogni vigore,
Ogni passo, ogni gesto, ogni operar, proviene
Da un filo che pel capo ne allaccia e ne sostiene.
Florindo
Un filo!
Rosaura
Un filo!
Pantalone
Un filo!
Dottore
(affermando)
Un filo.
Colombina
Un filo!
Arlecchino
Un filo?
(Cercando sulla testa di Colombina)
Lo cerco e no lo trovo.
Colombina
(ridendo)
El xe molto sutilo.
Florindo
Ma quel filo, dottore, dove mette?
Dottore
(con sprezzante incredulità)
Alla mano
Dell'uom che ne governa.
Florindo
In fede mia, più strano
Caso mai non intesi. Così, quand'io brandita
La spada, e avventurando libertà, beni e vita,
Entrai nel tetro carcere e più ratto del vento
Ne trassi l'adorata vergine a salvamento,
Un filo in man degli uomini i miei passi reggea?
Rosaura
E quando io grama ed orfana e di null'altro rea
Che di mia sciagurata bellezza, e cinta d'armi
Da un crudo abbominato tiranno, onde sottrarmi
Alle insidie del perfido, tratto l'occulto stilo,
Invan tentai trafiggermi il casto seno...
Florindo
A un filo
Pendea la destra intrepida?
Dottore
(sorridendo con isprezzo)
Cosi afferman le prave
Dotte lingue degli uomini.
Pantalone
Dunque, se sero a chiave
El scrigno, se me strùssio a pesar el zechin,
El crosôn, el bisanto, el tàlaro, el fiorin,
Se bastono la serva de casa, se me straco
A negoziar, se tiro la presa de tabaco,
Se me inchino co passa el sior Procurator,
Se camino, se magno, se ciapo un rafredor
Go un filo che me mena? go un filo che me move?
Dotor, queste xe ciacole! Mi vogio de le prove.
Arlecchino
Colomba, Colombina, Colombin, Colombeta,
Ti ga uno spago in testa, mo siestu benedeta!
Prova a scaparme ancora, co mi te vegno attorna:
Co mi te sporzo un baso, prova a farme le corna...
Mi vogio esser un chiodo, un bel chiodo a rampin
Dove tacar lo spago che ti ga per codin.
Colombina
Spago o veta da seta infilada da perle,
Nessun me impedirà de darte de le sberle.
Arlecchino
Sberle a mi?
Colombina
(gli dà uno schiaffo)
Sì, a ti.
Arlecchino
Asèo!
Colombina
Mi, co prometo, pago.
Arlecchino
Ti m'ha dà un stramuson!
Colombina
Mi no, xe sta el mio spago.
Florindo
Ora è d'oprar.
Dottore
Consiglio pria vuolsi.
Rosaura
E sanguinosa
Indi vendetta.
Florindo
(con generosa impazienza)
Tosta. Addio, amici. Addio, sposa,
Che tal nomar ti posso.
Rosaura
Il mio cuor tel concede.
Florindo
Fia tua bramata destra al mio valor mercede.
Partiam. Vieni, Arlecchino.
Arlecchino
(tremando, a Colombina)
Ciò. Scóndime.
Florindo
Arlecchino!
Arlecchino
Son qua.
Florindo
Seguimi.
Arlecchino
Dove?
Florindo
Tremi forse, pulcino?
Arlecchino
Domando dove andemo.
Florindo
Dove l'onor lo impone.
Arlecchino
L'onor l'è belo e bon, ma la pele...
Florindo
Poltrone!
Arlecchino
Paron, la tasa, i omeni, paron, i xe dei mostri:
Ghe vol, per far un passo dei soi, trenta dei nostri.
Se i alza un déo, xe come un déo del Padre Eterno.
Cosa farà i me fioi se mi vado a l'inferno?
Florindo
I tuoi figli!
Arlecchino
Sicuro. Mi sposo Colombina.
Ne nascerà putei almanco una trentina.
Chi li veste, se moro, paron, chi li mantien?
I sarà nudi, scalzi, afamai: già me vien
Da pianzer a pensarghe, povareti; la varda,
Qua ghe xe Lisa, questi xe Provolo, Bombarda...
I lo ciama a quel modo perché el xe un ciacolon.
E po' Nane, e po' Marco, e Tita... quel bricon
El me roba le fritole calde da la farsóra...
Brighelin, che per sàntolo ga avuo Brighèla... e ancora
No i nomino tutti.
Florindo
Meno ciarle.
Colombina
Me vien
Un'idea.
Arlecchino
(pronto)
La xe bona!
Colombina
Se i omeni i sostien
Che nu gavemo un spago tacà sora la testa…
Dottore
I libri, i libri parlano.
Colombina
A nualtri ne resta
De provar che quel spago lori lo ga nel cuor.
E scrivaremo el libro.
Arlecchino
Lo scrivarà el dottor.
Tutti
Evviva.
Dottore
Degli erotici poeti il primipilo
Scrisse: Omnia sunt hominum tenui pendentia filo.
Vedi: Pontiche, libro quarto. Ovidio.
Pantalone
Benon!
Ovidio ga bon naso.
Arlecchino
Ovidio ga rason.
Pantalone
Altro che filo, o spago, o gòmena o gomèna
(Come i dise in toscan), ciameghe pur caèna.
Go visto, un zorno, un omo ligà sul suo lavoro
(Povaro galioto) da una caena d'oro.
Che angustie! che fadighe e che bruti mestieri!
El spergiurava ancúo quel ch'el giurava gieri,
El tradiva l'amigo, el robava a man salva,
El gera magro, zalo e co la testa calva,
Avido, invidioso e busiaro e taccagno.
I lo ciamava tuti: «Cavalier del guadagno».
Se lo vedeva in Piazza, nel gheto vecio e novo,
Al fondego dei Turchi, ne la Cale del lovo,
A Rialto; ma infin, e roba che ti roba,
Lo go visto a la statua de sior Antonio Rioba1
Ligà come un salame e con un cartellon
Al colo. Avèu capio?
Arlecchino
Ovidio ga rason!
Florindo
Ed io ne vidi, appesi ad una treccia bionda,
Andar, come naviglio sotto il vento, a seconda
Di questa, e non volenti, ma sospinti e codardi:
E quella treccia bionda reggere i loro sguardi,
Gli atti, i passi, la voce, farli proni e, più forte
D'una gomèna, all'onta condurli od alla morte.
Arlecchino
Mi go visto a pescar nel rio le masanete
Con un filo e una fregola de pan; le povarete
Le beca el pan, e alora le xe frite, bondì!
Bondì libero arbitrio! Te saludo. Cussì
La vanità la pesca la masaneta umana
Che fra granzi e moleche xe la bestia più vana.
La vanità la ga no so quante scarsele
Impienie d'ogni spezie de nastri e de cordele.
In cào d'ogni cordela ghe xe tacà una crose
O una stela o quel corno che porta in testa el Dose,
O pur el Toson d'Oro, l'Acquila nera o anca
La Comenda de Malta, o pur l'Acquila bianca,
El Leon, el Capelo, la Luna, el Cavaleto,
Bon vin e bon ristoro e pulizia nel leto,
Polenta e bacalà, formagio, peri, pomi…
Pantalone
(stralunato)
Cosa galo? Savàrielo?
Arlecchino
Scusè, confondo i nomi
Perché go un apetito che me fa savariàr,
E no me vien in mente che roba da magnar.
Scusè. Tornemo a bomba. Stupirè se ve digo
Che in mezzo a tanti nastri che a nominar me intrigo,
Che fra tanti spagheti coti in tute le salze
Se trova anco un ligambo de queli de le calze.
L'omo, come se taca sul camin un polastro,
Se taca a la sua crose, e la sua crose al nastro,
El nastro lo fa muover, andar de su, de zo,
El ghe fa dir de sì, el ghe fa dir de no,
El te lo fa parlar e far la riverenza:
«Comandator, Lustrissimo, Eminenza, Ecelenza. »
Lustrà de qua, de là, quel Cavalier in fin
El va in leto più straco del povaro Arlecchin.
Ma corpo de quel taco e tacheto e tacon!...
Pantalon, cossa disela?
Pantalone
Ovidio ga rason!
Rosaura
Io poi, nel rimembrarlo, tutto il cor mi si gela.
Vidi una donna pendere a un fil di ragnatela
Retto all'opposto capo da un vispo bimbo e bello.
Oh! la povera donna, come vivea di quello,
Come nel suo bel viso dolcemente rapita
Benediceva all'angelo donde tenea la vita!
Ora avvenne che un gelido vento avvolse il bambino
E lo fe' smorto smorto, e del suo repentino
Pallor la donna anch'essa impallidiva, invano
Deprecando salvezza. Cadde il filo di mano
Al bel bimbo morente, e la donna fu vista
Stramazzar morta al suolo.
Colombina
Pianzo anche mi.
Florindo
Qual trista
Orrenda sorte!
Pantalone
Povara vecia!
Dottore
Me pur percote
Il flebil caso, e un tepido umor bagna mie gote.
Arlecchino
Dunque vittoria? El spago no ghe l'avemo nu.
Dottore
Ed io vergherò il libro dove per mia virtù
Appariran degli uomini le ridevoli scede.
Colombina
Ma se i dise che el filo lori no i se lo vede...?
Florindo
Come?
Dottore
Che ardisci?
Colombina
Certo. Me parè nati ancuo.
Lori ne vede el nostro, nu ghe vedemo el suo.
Dunque lassè che diga che el filo xe invisibile
Per chi lo ga.
Tutti
No, no, no!
Pantalone
Questo xe impossibile!
Florindo
Spregiata ancella!
Rosaura
Stolida!
Arlecchino
Mata!
Dottore
Vanesia idea.
Il 1° burattinaio
(invisibile)
Anselmo, qua i fantocci, ché piena è la platea.
Il 2° burattinaio
Chi è di scena?
Il 1° burattinaio
Florindo, Rosaura, Pantalone,
Il Dottore e gran popolo.
Il 2° burattinaio
Eccoli.

Si ode il passo del secondo burattinaio sul ballatoio nascosto dai festoni sospesi per aria. Egli non veduto stacca ad una ad una le marionette seguendo l'ordine indicato dal compagno, e le trasmette man mano all'aiutante, il quale le porta di là, sul palco scenico.

Florindo
(tirato dal filo)
La ragione
Ne consiglia partirsi a tai strane parole.
(Via.)
Rosaura
(tirata dal filo)
Amor mio, ti accompagno, che di simili fole
Degno premio ê lo sprezzo.
(Via.)
Pantalone
(tirato dal filo)
Vogio che i me persuada
Che non son mi che adesso vado per la mia strada.
(Via.)
Dottore
(tirato dal filo)
Vil donna! L'ente, l'essere, l'ego, l'eterna luce
Van per le contingenze, e niun fil li conduce.
(Via.)

Rimangono soli Arlecchino e Colombina.

Arlecchino
Xe tuti andai. Che zogia! Vien qua, Colombineta.
(Colombina eseguisce appuntino.)
Eccola, la vien qua. Mo siestu benedeta.
Voltite... La se volta. Passa de là… La passa.
Ciapa sto baso... E subito la sporze la ganassa.
Dunque la sola forza che ne mena visin
Xe el voler de Colomba, el voler de Arlecchin.
No ghe ocore altro spago né grando né sutilo...
(La voce di Florindo dall'interno.)
Arlecchin!
(Arlecchino rimane come impietrito.)
Colombina
(ridendo)
Resta, caro!
Arlecchino
(strappato per aria)
El filo! El filo! El filo!

FINE


Note

  1. È chiamata così una statua che porta anche il nome del «Gobbo di Rialto» e che i ladri ed altri malfattori dovevano baciare dopo aver prese le frustate dalla Piazza San Marco fino a Rialto