Il libro dell'arte/Capitolo CXLVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo CXLVIII

../Capitolo CXLVII ../Capitolo CXLIX IncludiIntestazione 4 aprile 2016 75% Da definire

Capitolo CXLVII Capitolo CXLIX
[p. 102 modifica]

Capitolo CXLVIII.

Il modo di colorire un uomo morto, le capellature, e le barbe.


Appresso di questo parleremo del modo del colorire un uomo morto, cioè il viso, il casso, e dove in ciascun luogo mostrasse lo ignudo, così in tavola come in muro: salvo che in muro non bisogna per tutto campeggiare con verdeterra; pur che sia dato innanzi o vero in mezzo tra l’ombre e le incarnazioni, basta. Ma in tavola campeggia all’usato modo, sì come informato ho d’un viso colorito o vivo; e, per lo usato modo, col medesimo verdaccio aombra. E non dare rosetta alcuna, chè ’l morto non ha nullo colore; ma togli un poco d’ocria chiara, e digrada da questa tre gradi d’incarnazione, pur con biacca, e temperali a modo usato; dando di queste tali incarnazioni catuna nel luogo suo, sfummando bene l’una con l’altra, sì in nel viso, sì per lo corpo. E per lo simile, quando l’hai appresso che coperta, fa’ di questa chiara un’altra incarnazione più chiara, tanto che riduca le maggiori stremità de’ rilievi a biacca pura. E così profila ogni contorno di sinopia scura con un poco di nero temperato; e chiamerassi sanguigno. E per lo medesimo modo le capellature (ma non che paiano vive, ma morte) con verdacci di più ragioni. E come ti mostrai più ragioni e modi di barbe in muro, per quel modo fa’ in tavola; e così ogni osso di cristiano, o di creature razionali, fa’ di queste incarnazioni sopraddette.