Il libro dell'arte/Capitolo XXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XXXIX

../Capitolo XXXVIII ../Capitolo XL IncludiIntestazione 12 marzo 2016 75% Da definire

Capitolo XXXVIII Capitolo XL
[p. 26 modifica]

Capitolo XXXIX.

Il modo del fare rosso ch’è chiamato cinabrese, da incarnare in muro; e di suo’ natura.1


Rosso è un colore che si chiama cinabrese chiara, e questo colore non so che s’usi altrove che a Firenze; ed è perfettissimo a incarnare, o ver fare incarnazioni di figure in muro, e lavorallo in fresco. Il qual colore si fa della più bella sinopia che si truovi, e più chiara; ed è missidada e triata con bianco santogiovanni, il quale così si chiama a Firenze; ed è fatto questo bianco con calcina ben bianca e ben purgata. E quando questi due colori sono ben triati insieme (cioè le due parti cinabrese, e il terzo biancozzo), fanne panetti piccoli come mezze noci, e lasciali seccare. Come n’hai bisogno, tra’ne quel che ti pare; chè il detto colore ti fa grande onore di colorir volti, mani, e ignudi in muro, come detto ho. E talvolta ne puo’ fare di belli vestiri, che in muro paiono di cinabro.

  1. II Vasari mostra di non aver letto con attenzione questo Trattato, imperocchè nella Vita di Agnolo Gaddi dice che Cennino non fa menzione del rosso cinabrese. (T.)