Il mistero del poeta/Prefazione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Prefazione

../ ../I IncludiIntestazione 29 marzo 2012 100% Da definire

Il mistero del poeta I

[p. 7 modifica]

All’onorevole signor Direttore

della « Nuova Antologia. »


Egregio Signore,


Una dama, che non ho l’onore di conoscere personalmente, mi ha inviato l’unito manoscritto. Vorrei pure trasmetterle, signor Direttore, la squisita lettera che l’accompagna; ma mi è vietato. Non ho quindi che a indicarne, per sommi capi, la sostanza.

Questa dama ebbe il manoscritto in legato dall’autore, che militò non senza lode nelle lettere italiane ed è morto quasi repentinamente, pochi anni addietro. Egli vi rivela una parte occulta, secondo credette, della sua vita, e vi prescrive all’amica di pubblicarne, in un caso [p. 8 modifica]preveduto, il racconto. Ora parrebbe che s’illudesse, da poeta, sul punto del segreto; e che, nella città di Lombardia dove visse, l’arcano fosse sufficientemente noto a parecchi. Ciò posto, non sarebbe più da pubblicare nulla: ma la signora non lo vuole comportare, parendole indegno di tener celata la descrizione di un amore ch’ella chiama eccelso, mentre tante descrizioni di amori volgari corrono il mondo. Propone quindi di pubblicare il manoscritto in forma di romanzo, tacendo il nome del protagonista e modificando gli altri, tranne uno solo cui non le regge il cuore di toccare. Propone altresì che il romanzo s’intitoli Il Mistero del Poeta; e confida in me per farlo uscire nella Nuova Antologia, dove altri lavori della stessa penna uscirono fra il 1865 e il 1880.

Non sono disgraziatamente abbastanza giovane per commovermi di un racconto simile, quanto se ne commosse la gentile signora. Tuttavia, non vorrei negare che vi si tratti di un amore assai più insolito nella letteratura odierna che nella vita reale; e mi piace di adoperarmi a farlo conoscere. Che i nomi si tacciano, si mutino o no, [p. 9 modifica]mi pare indifferente per noi, che possiamo lasciarne decidere alla coscienza della signora. Solo le scrissi che, mutandone alquanti, li muterei tutti. Che cosa ella abbia risposto e fatto non può importare ad alcuno.

Il titolo proposto è desunto da certa conversazione riferita nelle ultime pagine del racconto, e io non ci ho a ridire. Quanto all’aprirgli le colonne della Nuova Antologia, veda Lei: spero che non ci saranno difficoltà. Se acconsente, La prego di pubblicare in fronte al Mistero del Poeta, queste poche mie righe, che serviranno di introduzione.

Accetti, egregio signor Direttore, i miei anticipati ringraziamenti e l’espressione del mio perfetto ossequio.


Vicenza, 15 Novembre 1887.

ANTONIO FOGAZZARO.


Nota. ― Il Mistero del Poeta venne infatti pubblicato nella Nuova Antologia.

L’Editore.