Il servitore di due padroni/Lettera di dedica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dedica

../ ../L'autore a chi legge IncludiIntestazione 19 giugno 2019 75% Da definire

Il servitore di due padroni L'autore a chi legge
[p. 525 modifica]

ALL’ILLUSTRISSIMO SIG. DOTTORE

RANIERI BERNARDINO

FABRI

NOBILE PISANO.


SE il bene, che Voi mi avete fatto, ILLUSTRISSIMO SIGNORE, dovesse essere da me ricompensato, non basterebbono tutti i giorni della mia vita, impiegati in vostro servigio. Buon per me, che il vostro animo generoso soddisfa a se medesimo nel beneficare, e ricusa ogni ombra di ricompensa; ma quantunque Voi siate generoso a tal segno, non basterebbe tutta la vostra virtù a liberarmi dalla taccia d’ingrato, quando io almeno de’ benefizj vostri non serbassi nell’animo la ricordanza, e di questa non procurassi darvene alcuna prova. Ecco l’occasione di farlo. Troverete in dieci Volumi delle mie Commedie1 cinquanta nomi di Personaggi illustri, che mi hanno della protezione loro onorato. Fra questi era ben giusto ch’io collocassi il vostro, non solo per quel fregio che le Opere mie da cotal nome riporteranno, ma eziandio per quella dimostrazione di ossequio, con cui a’ miei Padroni alcuna operetta mia ho intrapreso di dedicare.

Questa, che ha per titolo Il Servitore di due padroni, a Voi offerisco, perché, avendola scritta in Pisa, mi ricorda que’ felicissimi giorni, ch’io vissi, vostra mercè, tanto piacevolmente in cotesta Città, benefica ed amorosa. Non mi scorderò mai, nè mai avrò rossore di dirlo, essere costì giunto nell’anno 1745, malcontento della Fortuna, dopo averla tracciata, in vano per qualche tempo, in varie parti, e con tante belle lusinghe, dileguatesi in fummo. Ho ancor presente quel giorno, in cui per la prima fiata ebbi [p. 526 modifica]l’onor di conoscervi, e fu quel festivo giorno, onorevole a Voi e alla Patria vostra, in cui la Colonia degli Arcadi, Colonia Alfea nominata, Voi dall’obblio faceste risorgere, animando i valorosi Concittadini alle frequenti adunanze d’Arcadia, e le nobili Pastorelle a renderle col dolce canto delle loro Muse più grate, onde Arno scorre più glorioso che mai, e a Voi, che Vicecustode perpetuo siete della Colonia, rendesi il dovuto onore.

Quel giorno fu in cui, ammirando Voi facondo Oratore ed erudito Poeta, io pure del genio mio per le Muse ebbi occasione di ragionarvi, e l’amor grande, che avete Voi per le Lettere, vi rese benevolo ad uno, che le ama, poco ancor conoscendole, e della vostra amicizia, e della protezione vostra onorar mi voleste.

Svelate a Voi le mie vicende, le mie disavventure, non tardaste ad offerirmi la mano per sollevarmi, ed animandomi a esercitare in Pisa la Professione Legale, che con varietà di stile io aveva nella Patria mia esercitata, Voi mi trovaste gli appoggi, somministrati mi avete gli aiuti, e con l’ombra vostra, e coi vostri consigli, non andò guari che in Pisa fama io aveva acquistata, e giunsi ad essere (per alcuni di poco spirito) oggetto di gelosia e d’invidia. Quanti col vostro esempio preso aveano ad amarmi! Infinito è il numero delle grazie, che da’ Pisani, senza merito, ho ricevute. Il nome Arcade di Polisseno Fegejo, che pongo in fronte alle Opere mie, in cotesta Colonia l’ho conseguito, ed emmi caro per questo, e non lo lascierò in abbandono giammai.

Che dolci veglie, che amabili conversazioni goder mi faceste nel vostro studio! Pisa abbonda di peregrini talenti, e tutti nella vostra società sono vaghi, ed io, in grazia vostra, ebbi agio di conoscerli e di erudirmi; e Voi medesimo, pel corso di que’ tre anni che costì dimorai, foste a me un libro aperto, in cui io leggeva le più belle massime, le più eccellenti istruzioni, che vagliono a formar l’uomo.

Felici i vostri Figliuoli, che da Voi hanno l’esempio, l’educazione, il consiglio! Ma felicissimo Voi ancora, che prole avete della vostra virtù seguace, che rende onore a se stessa e al Genitore ben nato.

Non ho veduto chi meglio di Voi sappia dividere il tempo, [p. 527 modifica]e così ben lo misuri, per darne giusta porzione a tutto, senza eccedere e senza mancare. Voi attentissimo alla vostra cospicua Cancelleria del Consiglio de’ XII Cavalieri di Santo Stefano; Voi indefesso nel vostro studio, accuratissimo nel dilettevole esercizio delle adunanze d’Arcadia; pronto ad ogni richiesta di poetiche composizioni; piissimo frequentatore delle sagre Funzioni, delle società Cristiane; amante dell’onesta conversazione, vivace, lepido, e nella età vostra invidiabile alla gioventù, sapete unir così bene la Religione e l’Uomo, che nulla vi manca per essere un modello di perfezione.

Dio volesse, che con un tal modello dinanzi agli occhi io avessi continuato a batter quella strada, per cui mi aveva la tenerezza vostra e la vostra saviezza incamminato. Questi sei anni2, che ho malmenati pel Teatro, felice me s’io gli avessi nella Civile, e nella Criminale Avvocatura impiegato! Qual Demonio, peggiore assaissimo del Meridiano, mi ha strascinato a cotal penoso esercizio! Oh, almeno le prime Commedie mie fossero cotanto sciocche riuscite, che passata me ne fosse la voglia, e la vanità dell’applauso giunta non fosse ad inebriarmi a segno di preferirla all’utile, al comodo, alla tranquillità.

Ecco il bellissimo frutto delle mie penose fatiche. Leggete, Signor mio umanissimo, i miei Manifesti, le mie Lettere, le mie Prefazioni, e raccoglierete da tutto ciò una piccola parte de’ miei travagli. Che peggio poteva io aspettarmi, se in luogo di procurar la riforma dei Teatri, avessi la corruzione loro prodotta? Ma peggio di tutto quel che apparisce, peggio assai si minaccia ad un Uomo innamorato della propria Nazione, che si è creduto in debito di sagrificarsi per l’onor suo. Vi sono delle anime scellerate, che non avendo talento, per deprimere, qualunque sieno, le Opere mie, cercano disonorar il mio nome, e mettere la persona mia in ridicolo con imposture, menzogne, romanzi, favole ed altre simili invenzioni d’ingegno, degne del loro animo, del loro spirito e del perverso loro costume.

Se per salvezza dell’onor mio sarò forzato a smentire i [p. 528 modifica]calunniatori col render conto della mia condotta, chiamerò in testimonio gli amici miei, quelli che fuori della Patria mia conosciuto mi avranno, e Voi, rispettabile per la nascita, pel carattere, per la ingenuità conosciuta, Voi chiamerò per autenticare la mia onestà in quel triennio, che sotto gli occhi vostri costì ho vissuto.

L’allontanamento della mia Patria ha dato motivo di favoleggiare di me; non mi è lecito esporre al pubblico ciò che vi sovverrete avervi io confidato, per giustificare qual impegno d’onore abbiami allora costretto ad alterare l’economia della mia Famiglia, cambiare il sistema della mia Casa, e finalmente prendere il partito di cambiar Cielo, per migliorare fortuna. Non posso io gloriarmi di essere sì cautamente vissuto, che la vita mia elogi meritar possa; i miei difetti, le mie debolezze, le passioni mie mal corrette, sono da me medesimo rimproverate, e sentirei volentieri anche in oggi, che delle passate follie un Uomo saggio mi riprendesse; ma che perfida gente, d’enormi vizj ripiena; gente, di cui farebbe orrore il rammentarne i costumi; gente avvezza a vivere di menzogna, di maldicenza, d’inganno, intraprenda a parlar di me, e di screditarmi procuri, cosa dolorosissima mi riuscirebbe, se non mi confortasse la sicurezza, che svelando i nomi loro soltanto, caderebbono sopra di essi le ingiurie, e le maldicenze.

Deh, amorosissimo Signor mio, perdonatemi questo sfogo, che mal s’innesta, a dir vero, in una officiosa Epistola dedicatoria; ma poiché Voi mi amate, e avvezzo siete ad ascoltare le mie disavventure ed a compatirle, meco l’antica bontà usando, le nuove querele mie di buon animo compatirete. Nè pensaste giammai, che per avere di ciò ragionato più con Voi, che con altri, fossero gl’inimici, di cui mi lagno, in Toscana; no, certamente; non posso anzi bastantemente lodare e grazie rendere ai Toscani, per le infinite finezze, che costà in Pisa, in Firenze, e in Livorno a me largamente sono state con eccesso di benignità compartite. I miei persecutori sono… Ah, permettetemi, che io mel taccia, perchè arrossisco nel dirlo.

Felicissimi giorni ho io menati in Pisa! Vero è pur troppo, che il bene non si conosce, se non si perde. Deh se cotesto soggiorno amabile ho io incautamente perduto, smarrito almeno non [p. 529 modifica]abbia il tesoro del vostro amore, della grazia vostra, della vostra amabilissima protezione. A questa vivamente mi raccomando, e pregandovi dal Signore per Voi, e pel bene della Patria vostra, lunghi, e felici anni di vita, rispettosamente mi dico

Di V. S. ILLUSTRISS.



Umiliss. Divotiss. e Obbligatiss. Serv.

Carlo Goldoni.


  1. Questa lettera fu la prima volta stampata nel t. III (1753) dell'edizione Paperini di Firenze.
  2. Convien ricordare che l'autore scrieva nell'anno 1753, subito dopo il distacco dal capocomico Medebach.