Io voglio del ver la mia donna laudare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizelli

XIII secolo Sonetti duecento Io voglio del ver la mia donna laudare Intestazione 16 luglio 2013 75% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Io vogliọ del ver la mia donna laudare
ed asembrarli la rosa e lo giglio:
più che stella dïana splende e pare,
e ciò ch’è lassù bello a lei somiglio.

Verde river’ a lei rasembro e l’âre,5
tutti color di fior’, giano e vermiglio,
oro ed azzurro e ricche gioi per dare:
medesmo Amor per lei rafina meglio.

Passa per via adorna, e sì gentile
ch’abassa orgoglio a cui dona salute,10
e fa ’l de nostra fé se non la crede;

e no·lle pò apressare om che sia vile;
ancor ve dirò c’ha maggior vertute:
null’ om pò mal pensar fin che la vede.

Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Io voglio del ver la mia donna laudare