L'Universo Misterioso/Prefazione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Prefazione

../Nota del traduttore ../Prefazione alla seconda edizione IncludiIntestazione 5 dicembre 2018 100% Da definire

Nota del traduttore Prefazione alla seconda edizione
[p. 13 modifica]

PREFAZIONE


Il presente libro contiene lo sviluppo delle lezioni tenute all’università di Cambridge nel novembre 1930.

È largamente diffusa l’opinione che il nuovo pensiero dell’astronomia e della fisica moderna sia destinato a produrre un cambiamento immenso nella nostra conoscenza dell’universo come tale, e nella nostra opinione circa il significato della vita umana.

La domanda, in ultima analisi, è da porsi in una discussione filosofica, ma prima che i filosofi abbiano diritto alla parola, deve essere prima interrogata la scienza, per dire quali sono i fatti accertati e quali le ipotesi provvisorie.

Allora, e solamente allora, la discussione può leggittimamente passare nel dominio dei filosofi.

Con simili intendimenti, io ho scritto il presente libro, assillato da dubbi frequenti come potessi giustificare un contributo al già molto che è stato scritto su questo argomento. Io non posso pretendere per me alcuna speciale qualifica al di fuori della posizione, proverbialmente vantaggiosa, del puro [p. 14 modifica] osservatore; io non sono un filosofo nè per abitudine nè per attitudine, e per molti anni la mia opera scientifica è rimasta al di fuori dell’arena delle teorie fisiche contendenti.

I primi quattro capitoli, che formano la parte principale del libro, contengono brevi discussioni, condotte su una linea molto larga, di quelle questioni scientifiche, che mi sembra siano d’interesse e provvedano materiale utile per la discussione dei più alti problemi filosofici. Per quanto è stato possibile ho cercato di evitare ripetizioni dal libro, L’universo intorno a noi; così io spero che il presente sia letto come un seguito di quello. Ma un’eccezione è stata fatta in favore del materiale che è essenziale per gli argomenti di maggior rilievo; di modo che il presente libro è completo in sè stesso. L’ultimo capitolo sta a un altro livello. Ciascuno può reclamare il diritto di avanzare le proprie conclusioni sui fatti presentati dalla scienza moderna. Questo capitolo contiene solamente l’interpretazione che io, straniero nel regno del pensiero filosofico, sono incline a dare ai fatti scientifici e alle ipotesi discusse nella parte principale dell’opera.

Altri potrà essere di parere diverso. Il libro è stato scritto per questo.


Dorking, 1930.