L'apologia di Socrate/Capitolo XI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo undicesimo

../Capitolo X ../Capitolo XII IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Filosofia

Platone - L'apologia di Socrate (IV secolo a.C.)
Traduzione dal greco di Francesco Acri (XIX secolo)
Capitolo undicesimo
Capitolo X Capitolo XII

E questa difesa, quanto alle colpe delle quali mi hanno accusato i primi miei accusatori, basta. Da Meleto ora mi proverò di difendermi; il buono, l’amante della città, come dice; e dagli altri venuti poi. E dacché questi accusatori son diversi da quelli, la loro giurata querela ripigliamola. Su per giú dice : «Socrate è reo verso ai giovani, guastandoli; e verso agl’Iddii, in quelli non credendo ne’ quali la città crede, ma sí in strane cose demoniache, e nuove». Tale è l’accusa: esaminiamola capo per capo. Dice che io sono reo verso i giovani, perché li guasto; e io dico che reo è Meleto, perché scherza pensatamente, trae in tribunale le persone leggermente, e dà a vedere di curarsi molto di cose delle quali nulla non si curò mai. Ch’ella è cosí, mi proverò di mostrarvelo.