La Cicceide legittima/I/CCCXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCCXVIII ../CCCXVII ../CCCXIX IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCCXVII I - CCCXIX
[p. 161 modifica]

Ai Detrattori della Cicceide.
Al Sig. Conte Ronchi.

cccxviii.

E Pur seguono ancor l’inique genti
     A incrudelir con la mia Musa, e pure,
     Quasi d’astio crudel vipere ardenti
     4Stampano in lei venefiche punture.
Sentole dir, che i miei componimenti
     Non han lustro di tropi, o di figure,
     E che i concetti lor con pena, e stenti,
     8Son tratti a forza di stiracchiature.
Or questa è (Conte mio) persecuzione
     Di chi non può soffrir, ch’altri rimiri
     11E lodi alcuna mia composizione;
Anzi son d’un mal genio atri deliri,
     Che s’io mi posi a scriver d’un C ....
     14Quale è mai quel C... che non si stiri?