La Cicceide legittima/I/CCII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCII ../CCI ../CCIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCI I - CCIII
[p. 102 modifica]

L’Autore non può star senza D. Ciccio.

ccii.

POmmi fortuna in Corte a menar l’ore
     Quasi Augel prigioniero in aurea gabbia
     Là ve spirano ogn’or dall’ampie labbia
     4Aliti velenosi, astio, e livore.
Pommi di carità privo, d’amore
     Là tra cappucci, e le cocolle, ed abbia
     Stretto da voti, a sostener la rabbia
     8D’un indiscreto, e rigido Priore.
Con l’Elmo in testa, e col moschetto in mano
     Pommi là ve consumasi affamato
     11Sotto Barcan l’esercito Cristiano.
Ma senza il mio D. Ciccio in alcun lato
     Non mi por già, se brami avermi sano,
     14Poichè senza di lui sarei castrato.