La Cicceide legittima/I/CLXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CLXVIII ../CLXVII ../CLXIX IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CLXVII I - CLXIX
[p. 85 modifica]

D. Ciccio innamorato della Damigella di sua moglie.
Al Sig. Curzio Picotti.

clxviii.

CUrzio, D. Ciccio, ancor che maritato
     Con una donna spiritosa e bella
     Essi nulla di meno incapricciato,
     4Ancor che brutta, della Damigella:
Ei va però sì bene cautelato
     Nel dar la provisione a questa, e quella
     Che a la Consorte il traffico è celato
     8E non s’accorge della marachella.
Or chi dirà, ch’a Donna, ancor che casta,
     Due C.... non puon dar soddisfazione
     11Stante la sua natura ingorda, e vasta,
S’oggi con ocular dimostrazione
     Prova D. Ciccio, e fa veder, che basta
     14A soddisfar due Donne un sol C....