La Cicceide legittima/I/CXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CXVII ../CXVI ../CXVIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CXVI I - CXVIII
[p. 60 modifica]

L'Autore si vanta eguale ad Alessandro Magno.

cxvii.

RAcconta Curzio, ch’Alessandro Magno
     Quel prode, che non ebbe al mondo eguale,
     Sendo tutto applicato a far guadagno
     4Di mezzi, che ’l rendessero immortale:
Siccome usò quel gran valor, nel quale
     Non si trovò chi fosse a lui compagno:
     Così donò profuso, e liberale,
     8Somme d’argento, e d’or senza sparagno,
Ma s’ei con l’accennate profusioni,
     Votò sovente i ricchi Erari sui
     11Dispensando i sesterzi a milioni:
Io senza dare i miei quattrini altrui
     Sol col mostrar le borse de’ C.....
     14Mi son reso immortale al par di lui.