La Cicceide legittima/I/CXX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CXX ../CXIX ../CXXI IncludiIntestazione 9 agosto 2012 100% da definire

I - CXIX I - CXXI
[p. 61 modifica]

D. Ciccio si duole con suo fratello ch’abbia voluto maritarsi ancor egli.

cxx.

FRatel C.... anzi C.... Fratello,
     (Che in te l’esser C.... è sostantivo.
     Mentre ogni giorno più ti mostri privo
     4Di giudizio di senno, e di cervello)
Dimmi se pur non fù qualche rubello
     Stimolo di lussuria intempestivo,
     Qual mai ti spinse incognito motivo
     8Si d’improviso al maritale anello?
Se a mantener di nostra casa i fasti
     Diretta su cotal risoluzione
     11Poco ben, Fratel mio, ti consigliasti.
Perchè Aristotil de generatione
     [Tu sai ch’io vivo] è di parer, che basti
     14A propagar la specie, un sol C....