La Cicceide legittima/I/CXXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CXXXIX ../CXXXVIII ../CXL IncludiIntestazione 29 marzo 2012 100% da definire

I - CXXXVIII I - CXL
[p. 71 modifica]

Il furto fatto a D. Ciccio.
Al Sig. Napoleon della Luna.

cxxxix.

COsì non fosse come con effetto
     E’ ver, che un Servitor di mal talento,
     Mentre traea D. Ciccio a lume spento
     4La scorsa notte un grave sonno in letto,
Stesa la man rapace al bisacchetto
     Due borse ne levò, che v’eran dentro
     Con qualche quantità d’oro, e d’argento,
     8Nel modo appunto, che v’è stato detto.
Sol per vere io non ho le relazioni
     Circa la patria di colui, che forse
     11Furtivo a dare il sacco a’ suoi Calzoni;
Nol credend’io Norcin, qual si discorse;
     ch’essi a le borse levano i C....
     14Ed egli ad un C.... levò le borse.