La Cicceide legittima/I/CXXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CXXXVIII ../CXXXVII ../CXXXIX IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CXXXVII I - CXXXIX
[p. 70 modifica]

L'Autore prega il Sig. Breni a farlo rappacificar con D. Ciccio.

cxxxviii.

D. Ciccio fa con me lo scorrucciato,
     Dolendosi, che 'l lacero, e che 'l mordo;
     Ed io per verità non mi raccordo
     4D’aver di lui né scritto, ne parlato.
Or quì, Breni mio car, bramo impiegato
     Il mezzo tuo per metterne d’accordo,
     E per capacitar questo balordo,
     8Ch’è da gente malevola ingannato,
Digli adunque a tal fin, che conosciuto
     Non m’hai propenso a le mormorazioni,
     11Ma più tosrto guardingo, e ritenuto:
E al fin, lasciando andar l’altre ragioni,
     Dì, che sarei per piattola tenuto,
     14Se m’attaccassi a mordere i C....