La Cicceide legittima/I/LIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LIV ../LIII ../LV IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - LIII I - LV
[p. 28 modifica]

Convito poetico dell’Autore.

liv.

APicio, quel, che fosse giorno, o notte
 Non stette mai con le mascelle asciutte,
     Volle, ch’un dì venissero condotte
     4A cenar seco alcune genti ghiotte.
Ma quando furo a tavola introdotte
     Trovar, che le vivande erano tutte
     Di lingue sol di Papagal costrutte,
     8Ma in cento modi accommodate, e cotte.
Tal’io per fare un genial banchetto
     Con la stessa invenzion del già descritto,
     11Un sol C.... ho per vivanda eletto,
E giusta il fine, che mi son prescritto,
     L’ho qui fatto in graticola, in brodetto,
     14Alesso, arrosto, appasticciato, e fritto.