La Cicceide legittima/I/LXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LXXIX ../LXXVIII ../LXXX IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - LXXVIII I - LXXX
[p. 40 modifica]

D. Ciccio in procinto d’andar a Roma.

lxxix.

QUal Deità, qual Nume implorar deggio
     A favor di D. Ciccio il dotto, il saggio,
     Or, ch’a far pompa del suo spirto, il veggio
     4Verso Roma in procinto a far passaggio.
Mercurio io non invoco, e non gli chieggio,
     Che precorra propizio il suo viaggio,
     Da Giunon non ricerco un dolce oreggio.
     8Né gli prego dal Sol temprato il raggio.
Solo a te, gran Priapo, infra gli Dei
     De le sublimi, ed infere magioni,
     11Volgo a pro di D. Ciccio, i voti miei;
Sol tu per giusti titoli, e raggioni
     Special Protettore esser gli dei,
     14Che sotto l’ombra tua stanno i C....