La Cicceide legittima/I/LXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LXXVII ../LXXVI ../LXXVIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - LXXVI I - LXXVIII
[p. 39 modifica]

La Rottura di D. Ciccio col Signor Marchese N.
Al Sìg. Co. Ronchi.

lxxvii.

ROnchi, quella strettissima unione
     D’amicizia, e di fè, ch’era una volta.
     Fra D. Ciccio, e ’1 Marchese, or s’è disciolta
     4Né si può penetrar per qual cagione:
Ma ciò, che fa maggior l’ammirazione,
     E’ che ciascun di lor pien d’una stolta
     Bravura marziale, ha già raccolta
     8Gran quantità di schioppi, e di persone,
Or temo, e l’ho per cosa omai sicura,
     Che l’un con l’altro a duellar s’inviti,
     11E ne succeda in sin qualche sciagura.
Accidenti nel ver non più sentiti;
     Mentre è noto ad ogn’un, che per natura
     14I C.... fra di lor son sempre uniti.