La Cicceide legittima/I/XCVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

XCVI ../XCV ../XCVII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - XCV I - XCVII
[p. 49 modifica]

D. Ciccio, materia fecondissima di componimenti Poetici.

xcvi.

STupisce ogn’uno, e ne strabilia il mondo.
     Come i vostri ridicoli accidenti
     Sì gran materia porgono alle genti
     4Di poetar, che non ha fin, nè fondo:
E veramente anch’io mi ci confondo.
     Vedendo, che nel dar degli argomenti
     A tanti e tanti lor componimenti
     8Voi sete sì ferace, e si fecondo:
Ma quando appunto io rivolgea più fisse
     A tal fecondità le riflessioni,
     11Un Fisico gentil così mi disse: —
Non si farian cotante ammirazioni
     Sopra una cosa tal, s’altri avvertisse.
     14Che la fecondità sta ne’ C....