La Cicceide legittima/I/XLVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

XLVII ../XLVI ../XLVIII IncludiIntestazione 10 agosto 2012 100% da definire

I - XLVI I - XLVIII
[p. 24 modifica]

D. Ciccio ippocondriaco ama la solitudine.
Al Sig. Co. Francesco Rolli.

xlvii.

COnte, il nostro D. Ciccio, a cui ridea
 Sempre in volto la gioja, or par che sia
     Dell’umor malenconico l’idea,
     4E l’Archetipo dell’ippocondria.
E non discorre più della Morea,
     Nè delle guerre là dell’Ungheria;
     Anzi nè pur vuol più, come solea
     8Prender seco alcun altro in compagnia.
Or mentr’ei de’ Colleghi abbandonati
     Con solitario piè fugge lo stuolo,
     11E va per luoghi inospiti, e scafati.
Gli altri restan di ciò trasecolati.
     Vedendo, fuor del solito, andar solo
     14Un di quei, che van sempre accompagnati.