La Cicceide legittima/II/X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

X ../IX ../XI IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

II - IX II - XI
[p. 174 modifica]

A D. Ciccio, che disfida un suo Collega per avergli detto, che si provvedesse di legna.

x.

QUal v'aggrava, Signor, l'anca mancina
     Ferro guerriero, e marziale impaccio?
     E perchè sì crudele or la sguaina
     4Contro me, che v’adoro, ingiusto il braccio?
Deh, raddolcita omai l’alma ferita.
     Renda il suo gajo al torbido mostaccio,
     E torni entro la placida guaina
     8A gli usati riposì il coltellaccio.
Tali a D. Ciccio i preghi suoi converse
     Il buon Collega, e tratto via lo scudo,
     11Si diè per vinto, e suo prigion s’offerse.
Indi seguì: Se mi vuoi morto, o crudo,
     (E in questo dir le natiche scoperse)
     14Ecco a saziar tue brame il petto ignudo.