La Cicceide legittima/II/XVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

XVII ../XVI ../XVIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

II - XVI II - XVIII
[p. 177 modifica]

Il Papagallo.
Al Sig. Segretario Gio: Maria Borea.

xvii.

D. Ciccio, nel passar da quella parte,
     Dove si vede in sul balcon quel vostro
     Indico Augel, che le sue piume ha sparte
     4Di color varj, e ha purpureo il rostro,
Stupì; ma più quando sentì, ch’ei parte
     La voce sì, che sembra il parlar nostro,
     E non capia, che la natura, o l’arte
     8Formar potesse un sì mirabil mostro.
Io, che ciò vidi allora, e m’accorgei
     De’ sentimenti suoi, sendogli al fianco,
     11Così gli espressi, a farnel pago i miei:
D. Ciccio, a che stupir, che così franco
     Parli quel Papagal, se tu, che sei
     14Bestia non men di lui, parli pur anco?